Uno studente ha creato accidentalmente una batteria ricaricabile che potrebbe durare 400 anni

Una scoperta all’Università della California a Irvine, realizzata dalla studentessa di dottorato Mya Le Thai, potrebbe cambiare il futuro delle batterie. Dopo aver giocato in laboratorio, ha fatto una scoperta di una batteria ricaricabile che potrebbe durare fino a 400 anni.

Un team di ricercatori dell’UCI ha sperimentato nanofili per il loro potenziale utilizzo nelle batterie, ma ha scoperto che con il passare del tempo i fili sottili e fragili si rompono dopo alcuni cicli di ricarica. Un ciclo di ricarica è quando una batteria è completamente carica e completamente scarica e ricaricata di nuovo.

Ma un giorno, per un capriccio, Thai rivestì un set di nanofili d’oro in diossido di manganese e un gel elettrolitico.

“Ha iniziato a giocare con questi condensatori di gel, ed è stato allora che abbiamo avuto la sorpresa”, ha dichiarato Reginald Penner, presidente del dipartimento di chimica dell’università. “Mya ha detto, ‘questa cosa ha completato 10.000 cicli ed è ancora in funzionante.’ Ritornò alcuni giorni dopo e disse: “Sono stati effettuati 30.000 cicli”. Ciò è continuato per un mese. “

Steve Zylius / UCI
Questa scoperta è sorprendente perché la batteria media di un laptop dura tra i 300 ei 500 cicli di ricarica. La nanobatteria sviluppata in ICU ha raggiunto 200.000 cicli in tre mesi. Ciò prolungherebbe la durata media della batteria di un laptop in circa 400 anni. Il resto del dispositivo probabilmente smetterà di funzionare decenni prima della batteria, ma le implicazioni per una batteria che dura da centinaia di anni sono abbastanza sorprendenti.

“Il quadro generale è che potrebbe esserci un modo molto semplice per stabilizzare i nanofili del tipo che stiamo studiando”, ha detto Penner. “Se questo risulta essere generalmente vero, sarebbe una svolta per la comunità”.

About the Author

admin